“Il vuoto che oggi troviamo nella redazione de L’Unità ben rappresenta la scena del delitto dell’ennesimo mediacidio. Il problema assume dimensioni europee, perché L’Unità è solo l’ennesima a cadere, in una lunga serie di testate dalla fine annunciata. E’ parte di un’emergenza nazionale che Media Initiative assume quale sua campagna europea, chiedendo solidarietà ed attenzione per L’Unità da parte di tutti i Paesi europei”. “Alla luce di quanto sta avvenendo, una volta di più, dobbiamo interrogarci sull’effettivo ruolo del sindacato istituzionale, Fnsi, che non va oltre il registro della triste contabilità delle testate che, l’una dopo l’altra, serrano i battenti. Sembra che alla morte annunciata di buona parte della stampa italiana non esista soluzione”. “Media Initiative propone due soluzioni concrete. Chiede a tutti di firmare la raccolta di adesioni certificate europee alla richiesta all’Europa di fornire sostenibilità all’editoria in crisi, andando sul modulo online all’indirizzo www.mediainitiative.eu. In secondo luogo, mette a disposizione dei colleghi de L’Unità il sito web di Media Initiative quale hub su cui interscambiare informazioni sul fronte dell’editoria in crisi, e in primo luogo de L’Unità. Ai membri del Cdr de L’Unità è stata fornita diretta disponibilità ad ospitare le comunicazioni che da oggi i soci de L’Unità impediscono ai giornalisti di mettere online”.